È necessario avere un visto per uno scalo in India?

Vuoi sapere quando e perché hai bisogno di un visto di transito per l'India? Scopri quali sono le regole e come ottenerne uno in tempo.

Come forse già sapete, la maggior parte dei viaggiatori stranieri che desiderano visitare l'India devono ottenere un visto, indipendentemente dalla durata del loro soggiorno o dallo scopo della loro visita. Ci sono solo due eccezioni a questo obbligo di visto, che sono per i cittadini del Bhutan e del Nepal. Ma cosa succede se il suo viaggio ha una destinazione finale diversa dall'India e lei sta solo transitando in India? In generale, sarà obbligatorio avere un visto o un permesso di soggiorno per transitare nel paese, ma in realtà dipenderà dalla durata del transito o dello scalo e dal fatto che il viaggiatore lasci la zona di transito dell'aeroporto. Così, alcuni visitatori devono ottenere un visto di transito richiedendolo in anticipo. A questo scopo e come vedremo più avanti in dettaglio, è possibile utilizzare il servizio di e-visa online per risparmiare tempo.

 

È necessario un visto per il semplice transito in India?

Secondo le regole sui visti del governo indiano, tutti i viaggiatori non esenti da visto che transitano in un aeroporto indiano per più di 24 ore, così come i viaggiatori che intendono lasciare la zona di transito dell'aeroporto per qualsiasi durata, devono ottenere un visto di transito per l'India.

Questo significa che il visto di transito per l'India è un documento obbligatorio se si ha uno scalo o un transito di più di 24 ore tra il momento dell'arrivo e della partenza. Ma significa anche che i viaggiatori che hanno un volo di collegamento meno di 24 ore dopo l'arrivo in India, ma hanno bisogno o prevedono di lasciare la zona di transito dell'aeroporto per qualsiasi motivo, hanno anche bisogno di un visto di transito. Per esempio, i passeggeri possono avere bisogno di ricontrollare i loro bagagli per prendere il loro volo in coincidenza, o possono decidere di pernottare in un hotel fuori dalla zona di transito, o semplicemente vogliono usare il tempo in transito per visitare la zona intorno all'aeroporto.

È quindi logico che in questo caso abbiano bisogno di un visto di transito per l'India e si raccomanda di richiederlo in anticipo richiedendo un eVisa online.

 

In quali casi non è necessario un visto per il transito in India?

In alcuni casi molto specifici, un visto di transito non sarà richiesto per un transito o uno scalo in India. Per esempio, si può transitare attraverso un aeroporto indiano verso un'altra destinazione se :

  • Hai un biglietto per un'altra destinazione in un altro paese.
  • Il suo scalo o transito in India è inferiore a 24 ore.
  • Non lascerà l'area di transito dell'aeroporto.

Per i viaggiatori il cui tempo di transito è inferiore a 24 ore, si raccomanda di prenotare il volo di collegamento sullo stesso biglietto del volo per l'India. In questo modo, non dovranno lasciare l'area di transito per registrare di nuovo i loro bagagli per il secondo volo e quindi non dovranno richiedere e ottenere un visto di transito per l'India.

Un altro caso speciale riguarda le persone che entrano in India via mare. Non avranno bisogno di un visto di transito per l'India, a condizione che rimangano a bordo della nave quando questa attracca al porto indiano.

Infine, non sarà necessario richiedere un visto di transito per l'India se si possiede già un visto elettronico valido per l'India, come un visto turistico, d'affari o medico, anche per un transito di meno di 24 ore con un'uscita dalla zona di transito. Questi tipi di visti elettronici sono visti a entrata multipla e permettono quindi soggiorni multipli, transiti o scali in India durante l'intero periodo di validità. Tuttavia, si assicuri che il numero di passaporto associato a questo visto sia sempre lo stesso del passaporto che sta usando per questo viaggio.

 

Quando dovrei richiedere un visto di transito per l'India e quanto tempo ci vuole?

Se sei abbastanza fortunato da essere uno dei viaggiatori idonei per un visto elettronico per l'India, che è il caso dei cittadini francesi ma anche di tutti i cittadini dei paesi dell'Unione Europea, puoi compilare un semplice modulo di visto elettronico online attraverso il sito ufficiale o attraverso il sito di un fornitore di servizi come quello che ti consigliamo qui. Questa procedura richiede solo pochi minuti e tutto quello che devi fare è compilare i tuoi dati personali, i dati del tuo passaporto e rispondere ad alcune domande.

Quando compila questa domanda online, le verrà chiesto di indicare il tipo di visto che desidera ottenere. In questo caso, è necessario richiedere un visto di transito per l'India. Sarà anche obbligatorio menzionare la data in cui si prevede di arrivare e il punto di ingresso in India.

Una volta compilato il modulo, dovrai solo pagare la tassa per il visto con la tua carta di credito o di debito direttamente online per finalizzare la tua domanda.

Una volta che la tua domanda è stata presentata, di solito viene elaborata entro 4 giorni lavorativi. Si raccomanda quindi di fare domanda almeno 4 giorni o addirittura una settimana prima della data di partenza per assicurarsi di ottenere questa autorizzazione in tempo.

Quando il visto di transito viene accettato, viene inviato direttamente via e-mail al richiedente all'indirizzo indicato nel modulo. Il richiedente deve poi stampare il modulo e presentarlo ai funzionari di frontiera al momento dell'imbarco e del transito in India.

Bisogna anche ricordare che un visto di transito è valido per due ingressi. Questo significa che puoi usarlo sia per il tuo transito di andata che per quello di ritorno. È un documento valido per 15 giorni dalla data di emissione. Il visto di transito permette solo di transitare in India per un massimo di 3 giorni e solo per il transito diretto. Se desidera rimanere più di 3 giorni in India, dovrà richiedere un altro tipo di visto a seconda dello scopo del suo viaggio.