I paesi che non richiedono il visto per gli Stati Uniti

Il dispositivo viaggio senza visto ESTA presenta numerosi vantaggi per i viaggiatori che vogliano andare negli Stati Uniti per un soggiorno di una durata inferiore a 90 giorni. Ma questo iter semplificato si rivolge unicamente ai cittadini dei paesi membri di tale dispositivo. Per sapere se si può beneficiare di questa autorizzazione online, ecco la lista di tali paesi ed alcune spiegazioni complementari.

Viaggiare negli Stati Uniti non richiede necessariamente un visto, in quanto dal 2008 esiste un programma di esenzione: il sistema elettronico di autorizzazione al viaggio ESTA. Questo sistema permette infatti ai viaggiatori di alcuni paesi che soddisfano determinate condizioni di recarsi negli Stati Uniti senza visto semplicemente grazie ad un'autorizzazione la cui domanda va presentata online e che è collegata in modo informatizzato al passaporto. L'elenco dei paesi che fanno parte di tale sistema è stato scelto dal governo statunitense in quanto considerati sicuri per la sicurezza interna del paese. In questo articolo spieghiamo tutto in merito a questo sistema e forniamo l'elenco completo dei paesi esenti dall'obbligo di visto per gli Stati Uniti.

 

Quali sono i paesi che rientrano nel programma di esenzione dal visto per gli Stati Uniti

Ovviamente, la grande maggioranza dei paesi del mondo non può beneficiare del servizio ESTA per recarsi negli Stati Uniti e solo i paesi che fanno parte dell’elenco stabilito dal governo americano hanno diritto a tale esenzione. Naturalmente, gran parte di questi paesi fanno parte dell’Unione Europea, certamente perché da essi provengono molti turisti.

Per saperne di più sui paesi che rientrano in tale elenco, eccone la lista:

Andorra, Austria, Australia, Belgio, Brunei, Repubblica Ceca, Repubblica di Corea, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, San Marino, Slovacchia, Slovenia, Singapore, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

È assolutamente necessario essere cittadini di uno di questi paesi per poter andare negli Stati Uniti senza visto con una semplice autorizzazione ESTA ovvero, anche se si abita in un altro paese, bisogna disporre di un passaporto rilasciato da uno dei paesi della lista. Inoltre, è anche necessario essere in possesso di un passaporto valido, e questo deve essere di tipo biometrico o elettronico, come avviene sistematicamente per i passaporti rilasciati dopo il 1° aprile 2016. Questa condizione è necessaria in quanto l’autorizzazione ESTA viene collegata a tale passaporto in forma elettronica e informatizzata. Si invita pertanto a verificare che il proprio passaporto sia conforme alle norme prima di presentare la richiesta di ESTA.

 

I paesi che non necessitano né di visto né di ESTA per recarsi negli Stati Uniti

Ci interessiamo ora ai paesi i cui cittadini possono recarsi liberamente negli Stati Uniti senza visto né ESTA. Si tratta infatti di casi particolari di cui fanno parte, ovviamente, i cittadini statunitensi, anche se possiedono una doppia cittadinanza, ma solo a condizione che il passaporto utilizzato sia quello statunitense.

Lo stesso vale per i cittadini canadesi che, come gli statunitensi, possono viaggiare liberamente negli Stati Uniti senza l'ESTA o il visto. Esiste tuttavia un’eccezione in quanto i residenti permanenti del Canada che sono anche cittadini di uno degli Stati membri del dispositivo ESTA devono comunque chiedere tale autorizzazione elettronica prima di poter entrare nel territorio.

Infine, le persone che hanno una doppia cittadinanza e una di queste o entrambe appartengono a uno dei paesi sopra elencati devono chiedere tale autorizzazione, a condizione naturalmente di viaggiare con un passaporto rilasciato da uno di questi paesi.

 

I viaggiatori che dal 2016 non possono più beneficiare del programma di esenzione dal visto

Chi si fosse informato sulle condizioni di accesso al programma di esenzione dal visto alcuni anni fa, potrebbe non essere a conoscenza di alcuni cambiamenti intervenuti nel 2016.

Da notare che il sistema di autorizzazione elettronica al viaggio ESTA è stato istituito principalmente allo scopo di semplificare le formalità amministrative di alcune categorie di viaggiatori e di massimizzare la sicurezza del territorio aggiungendo un controllo di tale autorizzazione anche prima dell’imbarco bordo. Il dispositivo è quindi destinato ad evolversi nel tempo e in funzione delle relazioni internazionali degli Stati Uniti, allo scopo di mantenere una qualità costante dei controlli alle frontiere. A causa dei recenti attentati che si sono verificati in Europa, si è assistito ad un aggiornamento del sistema e ad un rafforzamento del programma che ormai esclude alcuni viaggiatori.

Tali eccezioni riguardano i viaggiatori che dal 1° marzo 2011 si sono recati in Iran, Siria, Iraq o Sudan e le persone che hanno la cittadinanza di uno di tali paesi, anche in caso di doppia cittadinanza con una cittadinanza che fa parte dell'elenco dei paesi membri. Questi viaggiatori devono quindi presentare una domanda di visto per poter andare negli Stati Uniti. Ovviamente, gli agenti a tempo pieno delle amministrazioni pubbliche civili o militari che si siano recati in missione ufficiale in uno di questi paesi possono continuare a beneficiare dell’autorizzazione ESTA e quindi essere esentati dal visto per gli Stati Uniti.

 

Quali altre condizioni bisogna soddisfare per ottenere un'ESTA?

Se si fa parte dei viaggiatori provenienti da uno dei paesi membri del sistema di esenzione dal visto ESTA di cui sopra, ci si può recare negli Stati Uniti utilizzando questo sistema.

Tuttavia, bisogna anche rispettare una durata di soggiorno inferiore a 90 giorni sul territorio statunitense e il soggiorno non deve avere motivi di lavoro o di studio.

Sito non affiliato al governo statunitense, possibilità di svolgere le proprie pratiche senza spese supplementare nel sito ufficiale.